Cogprints

La Competenza narrativa: Il racconto come macchina cognitiva di costruzione del senso

Preti, Dr Antonio (2004) La Competenza narrativa: Il racconto come macchina cognitiva di costruzione del senso. [Journal (Paginated)]

Full text available as:

[img]HTML
38Kb

Abstract

Disturbi della coerenza e dell’organizzazione delle narrazioni sono frequentemente riportati nel caso delle psicosi. Una certa qual inconsistenza delle narrazioni è riconoscibile anche in molti disturbi d’ansia, in alcune forme di disturbo del comportamento alimentare, nel Disturbo Post-Traumatico da Stress, e nei disturbi caratterizzati da dissociazione. Non è dato di sapere, allo stato attuale delle conoscenze, se tale anomalia della competenza narrativa sia conseguenza del disturbo o ne costituisca, invece, fattore antecedente di predisposizione. Un nucleo ristretto di studi ha indicato un effetto protettivo della competenza narrativa sul rischio di sviluppo di disturbi mentali a seguito di eventi stressanti, ed un effetto positivo sul recupero del benessere in diverse condizioni psicopatologiche. Alcuni studi hanno rilevato che l’invito a scrivere sulle personali esperienze traumatiche riduce l’impatto soggettivo dei sintomi fisici nel corso di malattie croniche quali asma bronchiale e artrite reumatoide. Alcuni autori hanno sostenuto che l’organizzazione in forma narrativa delle personali esperienze possiederebbe, per ciò stesso, un potere benefico sul piano della salute e del benessere. Di contro a questi preliminari risultati sta la riconosciuta maggiore prevalenza di disturbi mentali in chi esprime la propria creatività sul piano narrativo. Tale aumentato rischio di psicopatologia si traduce in un maggior rischio di morte per suicidio, più elevato tra gli scrittori, secondo solo a quello dei poeti, che in altre professioni di tipo artistico o comunque creativo. Per riconciliare i termini di questa contraddizione, si può avanzare l’ipotesi che le professioni creative attraggano in misura maggiore chi sia vulnerabile allo sviluppo di un disturbo mentale, oppure che la capacità di esprimere la propria conflittuale interiorità in forma creativa eserciti un influsso protettivo sulle conseguenze più negative della psicopatologia, effetto protettivo che in alcuni casi verrebbe meno. Lo sviluppo della competenza narrativa deve essere quindi riconosciuto come un fattore di crescita fondamentale nei processi maturativi, sia in quanto assicura un adeguato controllo di funzioni cognitive complesse, sia per il suo possibile ruolo protettivo nelle situazioni nella quali la continuità esistenziale del Sé è sotto minaccia, come accade a seguito di eventi catastrofici, traumatici o logoranti (abuso e maltrattamento, discriminazione).

Item Type:Journal (Paginated)
Keywords:psychology, narratology, cognition, psychopathology
Subjects:Psychology > Clinical Psychology
ID Code:4037
Deposited By:Preti, Antonio
Deposited On:13 Jan 2005
Last Modified:11 Mar 2011 08:55

References in Article

Select the SEEK icon to attempt to find the referenced article. If it does not appear to be in cogprints you will be forwarded to the paracite service. Poorly formated references will probably not work.

Sulle narrazioni in generale

Roland Barthes (curatore). L’analisi del racconto. Bompiani, Milano, 1969

Claude Bremond. Logica del racconto. Bompiani, Milano, 1977

Algirdas Julien Greimas. Del senso. Bompiani, Milano, 1974

Algirdas Julien Greimas. Del senso II. Bompiani, Milano, 1984

William Labov. Language in the Inner City. University of Pennsylvania Press, Philadelphia, 1972

Stith Thompson. La fiaba nella tradizione popolare. Il Saggiatore, Milano, 1967

Sulla neuropsicologia della competenza narrativa

Shaun Gallagher. Philosophical conceptions of the self: implications for cognitive science. Trends in Cognitive Sciences, 4: 14-21, 2000

Gordon G. Gallup Jr. Self-awareness and the evolution of social intelligence. Behavioral Process, 42: 239-247, 1998

David Herman. Pragmatic constraints on narrative processing: Actants and anaphora resolution in a corpus of North Carolina ghost stories. Journal of Pragmatics, 32: 959-1001, 2000

George S. Howard. Culture tales: A narrative approach to thinking, cross-cultural psychology, and psychotherapy. American Psychologist, 46: 187-197, 1991

Raymond A. Mar. The neuropsychology of narrative: story comprehension, story production and their interrelation. Neuropsychologia, 2004; 42: 1414-1434

Henrik Scharfe. Grand principles of narratology. Relazione, ancora non pubblicata, presentata al PALA, Istambul, 2003

Robert G. Wahler, Frank D. Castlebury. Personal narratives as maps of the social ecosystem. Clinical Psychology Review, 22: 297-314, 2002

Su Competenza narrativa e psicopatologia

K. R. Jamison. Toccato dal fuoco. Temperamento artistico e depressione. Longanesi, Milano, 1994

J.W. Pennebaker. Writing about emotional experiences as a therapeutic process. Psychological Sciences, 8: 162-166, 1997

J.W. Pennebaker, J.D. Seagal. Forming a story: The health benefits of narrative. Journal of Clinical Psychology, 55: 1243-1254, 1999

F. Post. Creativity and psychopathology. A study of 291 world-famous men. British Journal of Psychiatry, 165: 22-34, 1994

Antonio Preti, Paola Miotto. Suicide among eminent artists. Psychological Reports, 84: 291-301, 1999

Antonio Preti, Francesca De Biasi, Paola Miotto. Musical creativity and suicide. Psychological Reports, 89: 719-727, 2001

Joshua M. Smyth, Arthur A. Stone, Adam Hurewitz, Alan Kaell. Effects of writing about stressful experiences on symptom reduction in patients with asthma or rheumatoid arthritis. A randomized trial. Journal of the American Medical Association, 281: 1304-1309, 1999

Metadata

Repository Staff Only: item control page